Ciclismo - Preparazione al Ciclismo





Coppi, Fausto (Castellania, Alessandria 1919 - Tortona 1960), campione di ciclismo italiano, vinse 110 corse di cui 53 per distacco. Il suo arrivo solitario sui grandi traguardi era annunciato con una frase che Ŕ entrata nella storia: "Un uomo solo al comando, la sua maglia Ŕ biancoceleste, il suo nome Fausto Coppi!". Il grande ciclista si aggiudic˛ due volte il Tour de France nel 1949 e nel 1952 e cinque volte il Giro d'Italia (nel 1940, 1947, 1949, 1952 e 1953) e fu uno dei cinque ciclisti al mondo, con Merckx, Roche, Hinault e Indurain, ad aver vinto Giro e Tour nello stesso anno. Al suo attivo vi furono tre volte la Milano-Sanremo (1946, 1948, 1949), cinque Giri di Lombardia (1946-1949, 1954), due Gran premi delle Nazioni (1946, 1947), una Parigi-Roubaix (1950) e una Freccia vallone (1950). Morý per una malaria contratta durante un viaggio in Egitto e non diagnosticata in tempo. La sua storia di ciclista, caratterizzata dalla rivalitÓ-alleanza con Bartali, e le vicende della vita privata, segnata dalla relazione segreta con la "dama bianca", hanno fatto del leggendario ciclista una figura che, ben al di lÓ del fatto sportivo, pu˛ dirsi veramente rappresentativa dell'Italia degli anni Cinquanta.

La sua storia:

Fausto Angelo Coppi nacque a Castellania, localitÓ a quota 380 in provincia di Alessandria, alle ore 17 del 15 settembre 1919.

Prima occupazione: garzone di salumeria

Il l luglio 1937 disput˛ la prima corsa sul tracciato Castellania (Boffalora), Sarezzano, Tortona, Villalvernia, Castellania (Boffalora): si ritir˛ per l'afflosciamento di una gomma

Prima squadra da professionista: Legnano. Poi difese i colori delle seguenti squadre: Bianchi, Carpano, Tricofilina: alle ultime due abbin˛ il proprio nome Sý leg˛ alla S. Pellegrino alla fine del '59, prima di recarsi nell'Alto Volta, da dove torn˛ ammalato, e fece in tempo a posare accanto a Bartali per fotografie destinate al rilancio della coppia: i due si ritrovavano nella medesima industria a venti anni di distanza.

CapacitÓ respiratoria: media 6.500 cc., frequentemente 6.600 e 6.700 cc. Alt. mt. 1,87, peso - forma Kg. 76 Torace: massima 102, minima 94.

Militare a Tortona (Alessandria), appartenente al 38░ Reggimento di fanteria della Divisione Ravenna (Caserma Passalacqua) Caporale della terza squadra di un plotone in quadrato nella compagnia agli ordini di Fausto Bidone. Prigioniero degli inglesi in Africa, a Capo Bon. 1117 maggio 1943 venne internato a Megez el Bab, poi trasferito al campo di concentramento di Blida, nei pressi di Algeri. 

Il 1░ febbraio 1945 s'imbarc˛ sul piroscafo < CittÓ di Orano > che lo riport˛ in Italia, a Napoli, in quarantotto ore.

Il 22 novembre 1945, a Sestri Ponente, si uný in matrimonio alla signorina Bruna Ciampoliný (prima tappa del viaggio di nozze a Varazze)

Padre di Marina, nata l'11 novembre 1947 e di Faustino, nato il 13 maggio 1955.

Cess˛ di vivere alle 8,45 del 2 gennaio 1960. E' sepolto a Castellania (AL).

Preparazione al Ciclismo ę

Tabelle, schemi, consigli e teorie riguardanti il Ciclismo per ottenere il massimo rendimento.
Benessere fisico con il ciclismo, metodi d'allenamento, psicologia, alimentazione, curiositÓ, salute, test medici e doping per bici da corsa e mountain bike

 Il logo, gli sfondi, le immagini, i testi, quando non diversamente specificato, sono di proprietÓ di questo sito e non possono essere riprodotti in nessun modo. Copyright

torna all'indice

- premessa - intro - segnalino -linkami - email - ringraziamenti - newsletter - copyright -