Ciclismo - Preparazione al Ciclismo





Il Comportamento del Biker
di Alessandro Pezzi

E' ancora periodo di vacanza, o per lo meno il clima è ancora mite e il tempo soleggiato, e vien voglia nel week-end di recarsi in montagna per pedalare fra scenari incantati con vette, boschi, corsi d'acqua.
Tutte queste attrattive naturalistiche, che spesso costituiscono il motore vero e proprio delle uscite, anche nei giorni in cui le nostre gambe ci spingerebbero a restare tranquilli a casa, hanno bisogno di grandissimo rispetto, così come tutti gli altri amanti della natura che si pongono a contatto con essa.

Ma, come al solito qui in Italia, spesso tale rispetto manca.

Così si vedono in giro un ammasso di scempiaggini di ogni tipo:
cartacce e rifiuti vari sparsi un po' ovunque, camere d' aria forate abbandonate in mezzo al bosco, fiori calpestati, lattine e sporte di plastica con rifiuti gettati in mezzo all' erba: l' elenco potrebbe proseguire ancora, ma come avrete già capito lo spettacolo non è edificante.
Purtroppo per noi, però, tale sfregio alla natura non è compiuto solamente da famigliole incivili o escursionisti della domenica che pensano di poter fare su una vetta quello che fanno in città, cioè inquinare, ma spesso anche da Bikers.
A me è capitato personalmente di vedere le camere d' aria abbandonate o le buste degli energizzanti, oppure ancora le bombolette usate di CO2, tutti segni inequivocabili che anche nel mondo della MTB è presente l' inciviltà e l' irrispettosità.
Molti lettori saranno sdegnati da questo, ma va ricordato che per ritenersi estranei da tali accuse, non solo occorre non aver commesso nulla, ma serve anche aver agito in modo da prevenire tali "disastri":
Tutti coloro che nelle uscite con gli amici hanno assistito silenziosi al getto di un fazzoletto o di altre schifezze, sono ugualmente "colpevoli".
E' infatti importantissimo educare le persone prive di "sensibilità naturale" al rispetto per dei beni che sono patrimonio dell' intera comunità e quindi, in un certo senso, anche loro.
Questa educazione dovrebbe essere impartita ai giovani fin dalla prima età scolare, e a maggior ragione nelle scuole MTB o nei semplici noleggi; sarebbe poi utile un'opera di propaganda nei luoghi in cui si svolgono i grandi raduni ( vedi, ad esempio Rampilonga ), in modo da unire il divertimento della manifestazione all'apprendimento delle norme di civiltà.
Io stesso sono stato molto colpito da un articolo di giornale che parlava dei tempi di smaltimento naturali dei rifiuti, cioè del tempo che la natura impiega ad eliminare da sola le immondizie:
si va dai pochi mesi per la buccia di banana, agli anni per la carta e simili, fino al paio di secoli per plastica, alluminio e similari !!!
Penso che questi dati parlino già da soli, e sarebbero in grado di smuovere qualche coscienza.

di Alessandro Pezzi

 

Preparazione al Ciclismo ©

Tabelle, schemi, consigli e teorie riguardanti il Ciclismo per ottenere il massimo rendimento.
Benessere fisico con il ciclismo, metodi d'allenamento, psicologia, alimentazione, curiosità, salute, test medici e doping per bici da corsa e mountain bike

 Il logo, gli sfondi, le immagini, i testi, quando non diversamente specificato, sono di proprietà di questo sito e non possono essere riprodotti in nessun modo. Copyright

torna all'indice

- premessa - intro - segnalino -linkami - email - ringraziamenti - newsletter - copyright -