email





Condropatia bilaterale

Sono una appassionata ciclista di 52 anni, sono alta m.1.58 e peso 64 Kg.
Lo scorso anno, durante l'estate, ho iniziato ad accusare un forte dolore al ginocchio sinistro.
Nel mese di Novembre, nonostante l'assunzione di farmaci antinfiammatori, il dolore è aumentato tanto da avermi provocato una artrosinovite con un episodio di febbre.
Il medico curante mi ha prescritto gli esami di routine: radiografia,analisi del sangue e risonanza magnetica.
Tutti gli esami davano esito negativo e non evidenziavano alcuna particolare problematica in corso.
L'ortopedico, a questo punto, mi consigliava un'artroscopia con la quale ricercare la causa del dolore e dell'artrosinovite.
L'intervento avvenuto il 23 aprile scorso, evidenziava una condropatia del 3° e 4° alla rotula; pertanto venivo successivamente sottoposta a cure a base di CONDRAL e a 5 infiltrazioni di acido ialuronico.
Tuttavia, dopo ben due mesi, non ero ancora in grado di camminare senza stampelle ed accusavo sempre gonfiore ed un forte dolore alla rotula.
A questo punto mi è stato consigliato di rivolgermi ad un fisioterapista per seguire una terapia riabilitativa.
Il fisioterapista, oltre ad evidenziare lo stato muscolare ormai quasi atrofizzato, mi prescriveva degli esercizi quotidiani da eseguire in palestra con e senza attrezzi allo scopo di ricostruire le fasce muscolari debilitate.
Aggiungo che da tempo sto seguendo una dieta ( suggerita dal dietologo ) per poter perdere peso ma con scarso risultato poichè, oltre ad essere entrata in menopausa, sono ipertiroidea e sto assumendo quotidianamente EUTIROX 50 mcg.
Ora,a distanza di quasi 6 mesi, sono in grado di camminare lentamente senza stampelle, fatico nel fare le scale, in particolare in discesa, il dolore al ginocchio è notevolmente diminuito ma ho ancora la sensazione di scivolamento della rotula verso la gamba e quindi di cedimento e a volte si gonfia ancora.
Frequento sempre la palestra ( almeno 4 volte la settimana ) dove eseguo gli esercizi che periodicamente vengono indicati dal fisioterapista.
Inoltre da qualche tempo, avverto al ginocchio destro gli stessi dolori e quindi temo che si tratti degli stessi problemi.
Inutile dire che sono molto preoccupata, perciò dopo questa lunga esposizione mi permetto di chiedere un Suo illuminato parere e soprattutto se riuscirò a recuperare la mia mobilità e le belle corse in bicicletta e cosa mi suggerisce riguardo al ginocchio destro ?

R: 

La condropatia femoro rotulea è un problema molto diffuso, dipende essenzialmente da un cattivo allineamento della rutula nella sua sede su femore, molto spesso responsabile di ciò è un cattivo equilibrio muscolare, in modo particolare una carenza dei muscoli che devono portare la rotula all'interno e tra i quali il più importante è senza dubbio il vasto mediale del quadricipite. Detto ciò sono d'accordo sul fatto che tu ora devi recuperare la muscolatura visto che è l'unica possibilità per riportare la rotula al suo posto, solamente che non è facile perché devi potenziare senza infiammare. E' importantissimo seguire queste regole:
- lavorare fuori dagli angoli di dolore
- lavorare con pesi leggeri e con esecuzione lenta
- lavorare in scarico (in modo particolare in acqua) per non sovraccaricare la rotula
- variare i lavori (isotonica, isometrica, concentrica, eccentrica, ecc.)
Per il momento ti posso consigliare solamente di proseguire con il lavoro, cercare, nel limite del possibile, di perdere peso, aiutarti con terapie anti infiammatorie come laser ed ultrasuoni.
Volevo sapere però se l'artroscopia che hai fatto era solo diagnostica, anche perché se falliscono certe cure esiste sempre la carta chirurgica.
Per quello che riguarda l'altro ginocchio penso che si tratti di un problema di sovraccarico, visto che deve lavorare soprattutto il destro, non è escluso però che il problema ci sia anche su questo, perciò il lavoro non sarebbe sbagliato eseguirlo bilateralmente


torna alla lista dei quesiti


Ha risposto ai quesiti medici, nei limiti imposti da una consulenza tramite internet, il fisioterapista Corrado Ballarini che gestisce un centro di riabilitazione dello sportivo a Rimini.

- RUBRICA SOSPESA FINO A NUOVA DECISIONE REDAZIONALE -

Preparazione al Ciclismo ©

Tabelle, schemi, consigli e teorie riguardanti il Ciclismo per ottenere il massimo rendimento.
Benessere fisico con il ciclismo, metodi d'allenamento, psicologia, alimentazione, curiosità, salute, test medici e doping per bici da corsa e mountain bike

 Il logo, gli sfondi, le immagini, i testi, quando non diversamente specificato, sono di proprietà di questo sito e non possono essere riprodotti in nessun modo. Copyright

torna all'indice