email





Condromalacia e tendinite della zampa d'oca

Sono un ragazzo di 28 anni, sono alto 1,81m e peso 80kg, ho praticato  calcio, nuoto, ciclismo e corsa e saltuariamente sci.

Poco più di un anno e mezzo fa durante una delle prime uscite stagionali in  mountain bike, forzando in salita ho sentito un colpo secco nella parte  interna, tra ginocchio e polpaccio della gamba SX. 
Per circa una decina di giorni non riuscivo a sollevare la gamba piegandola.  Non ho mai effettuato cure se non saltuariamente qualche anti-inffiammatorio ( aulin ) e ghiaccio.
Da allora dopo qualsiasi attivita' ( corsa, calcetto, sci, bici ) sento un  fastidio soprattutto nella zona tra ginocchio e polpaccio, dopo attivita'  intense il dolore si estende anche al tendine della rotula e palpando sento  dolore anche nella zona della tibia.
Sento fastidio dopo un po' di tempo che sono seduto e devo allungare la  gamba ( ufficio, cinema, auto ) e dopo un po che sono in piedi devo piegare  un po la gamba.>
Finalmente mi sono deciso a fare qualche esame per capire qual 'e' il  problema, ecco l'esito della Risonamza Magnetica: L'esame e' stato eseguito  con tonogrammi a strato sottile diversamente pesati T1, T2 e G.E., condotti  sul piano assiale, coronale e saggitale.
Non sono riconoscibili lesioni scheletriche.  Discreto versamento diffuso in sede intra articolare, in particolare a  livello del pivot centrale e della regione di inserzione del crociato  anteriore sulla tibia.
I due legamenti crociati sono comunque ben apprezzabili e sostanzialmente  normali; integrità dei collaterali.
Il menisco laterale è normale; la fibrocartilagine meniscale mostra minime  disomogeneità di segnale intrinseche al corno posteriore, più da sofferenza  di tipo degenerativo che non da slaminamento.
Tendine quadricipitale e rotuleo regolari.  Cartilagine articolare di normale spessore su tutti gli ambiti; è comunque  presente alterazione di segnale in corrispondenza della cartilagine della  faccia laterale della rotula, da iniziale condromalacia, senza franchi  focolai osteocondritici.
In conclusione l'esame mostra versamento di discreta importanza  intrarticolare con condromacia rotulea sulla faccia articolare laterale.
Modesta alterazione di segnale nel corno posteriore del menisco mediale, più  da aspetto degenerativo che traumatico.
 Successivamente ho effettuato anche una visita da un ortopedico, che mi ha  consigliato un intervento in artoscopia per effettuare un lisciamento della  cartilagine ed eventuale LATERAL RELEASE da valutare durante l'artoscopia.  L'ortopedico mi ha detto detto che alla mia età conviene effettuare questo  tipo di intervento, con il quale in un mese tornerei come prima, piuttosto
che terapie conservative considerando anche il fatto che secondo lui ho una  muscolatura del quadricipite gia sufficentemente tonica.
Inoltre non ha considerato molto il dolore che avverto sotto il ginocchio,   dicendomi soltanto che si tratta di una tendinopatia della zampa d'oca, ma  non consigliandomi nessuna cura. >
 Mi potrebbe dare consigli per quanto riguarda la tendinopatia della zampa  d'oca, per il versamento intra articolare e per la condromalia rotulea  eventuali alternative al lisciamento.
Dove si posso effettuare un test isocinetico? (Io abito in prov di pavia) 

R: 

Dalla descrizione dei tuoi sintomi mi verrebbe da pensare che nel tuo caso il problema principale sia partito dalla zampa d'oca. Premetto che tutto quello che dico è da prendere con il beneficio dell'inventario poiché non è possibile fare diagnosi via e-mail, al massimo si possono fare delle supposizione e dare qualche consiglio. 

Parti dal fatto che le persone che hanno le rotule in asse sono circa il 3% della popolazione ( e non è detto che non abbiano problemi!), per cui è molto facile riscontrare un quadro radiologico come il tuo, quello che mi fa pensare è stato il fatto acuto con il dolore, se non ho capito male, proprio in corrispondenza della zampa d'oca. Potrebbe esserci stato un fatto traumatico in quella zona dal quale poi ne è scaturita una infiammazione. Ovviamente se il rapporto muscolare non è ottimale di conseguenza ne soffre molto anche la rotula. 

Il mio consiglio, prima di passare all'intervento di relese dell'alare, è di fare degli accertamenti mirati sulla zampa d'oca (ecografia da un bravo specialista), curare la tendinite, riequilibrare la muscolatura con allungamento dei flessori e potenziamento degli estensori, e ripresa graduale della attività sportiva, lavorando inizialmente sulla agilità per poi, se non ci sono problemi particolare, spingere rapporti più duri.


torna alla lista dei quesiti


Ha risposto ai quesiti medici, nei limiti imposti da una consulenza tramite internet, il fisioterapista Corrado Ballarini che gestisce un centro di riabilitazione dello sportivo a Rimini.

- RUBRICA SOSPESA FINO A NUOVA DECISIONE REDAZIONALE -

Preparazione al Ciclismo ©

Tabelle, schemi, consigli e teorie riguardanti il Ciclismo per ottenere il massimo rendimento.
Benessere fisico con il ciclismo, metodi d'allenamento, psicologia, alimentazione, curiosità, salute, test medici e doping per bici da corsa e mountain bike

 Il logo, gli sfondi, le immagini, i testi, quando non diversamente specificato, sono di proprietà di questo sito e non possono essere riprodotti in nessun modo. Copyright

torna all'indice